OTHOCA
ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE - Oristano
Elettrotecnica - Elettronica - Informatica - Meccanica - Liceo delle Scienze Applicate


Stemma della Repubblica Italiana
Aumenta dimensione caratteri Dimensione caratteri predefinita Diminuisci dimensione caratteri

L'ATTIVITA' TEATRALE

In dd'una notti (In una notte)

Il 9 Maggio, alle ore 8,45 i ragazzi dell'Istituto Tecnico Industriale Statale "Othoca" di Oristano hanno presentato al Premio Gaber il loro spettacolo dal titolo "In dd'una notti".
I 26 ragazzi che hanno partecipato alla realizzazione del progetto multiclasse sono stati guidati dal professor Mariano Pisanu e dalla professoressa Anna RIta Gala, coadiuvati dagli operatori esterni Giampietro Orrù e Maura Grussu della cooperativa teatrale Fueddu e Gestu di Villasor (CA).
Il contenuto dello spettacolo – della durata di 55 minuti – è liberamente tratto da "Sogno di una notte di mezza estate" di William Shakespeare, che i ragazzi hanno voluto far loro attraverso l'utilizzo del proprio dialetto. Infatti alcune parti del testo sono bilingue (sardo e italiano) ed anche le musiche sono eseguite dal vivo dagli stessi ragazzi.
I ragazzi traducono piuttosto fedelmente l'opera shakespeariana in sardo (i musici sono in costume tipico) ricreandone atmosfere e scene attraverso ricchi costumi e semplici accessori. Il tutto risulta molto efficace e - nonostante gli inevitabili e giusti tagli - lo spettacolo mostra una bella coralità.
Eco di antiche sagre del solstizio, musiche popolari dal tipico sapore di Sardegna si mescolano allo Shakespeare più sognante e al contempo più vicino alla Commedia dell'Arte. Le due anime del Sogno sono ben vive sul palco, grazie alla poesia e al gioco grottesco che i ragazzi di Oristano sanno ben interpretare. La traduzione in sardo delle scene degli artigiani rende ancora più vivace il gioco scenico.
I ragazzi, coordinati in un chiaro lavoro di regia, si muovono con scioltezza sia nella danza che nel canto, così come nella recitazione, dimostrando di avere alle spalle un percorso attento e articolato.
I ragazzi sardi hanno proposto un lavoro simpatico e intenso che ha riscosso grande attenzione anche da parte delle altre scuole presenti in sala cioè superiori di Chiaramonte Gulfi (RG) e Brescia.


Questo sito utilizza cookie di sessione e di terze parti per offrirti una migliore esperienza digitale. La prosecuzione della navigazione mediante consenso (pressione su ACCETTO) o scroll di pagina comporta l'adesione all'uso dei cookie. Procedendo con la navigazione, dunque, autorizzi la scrittura di tali cookie sul tuo dispositivo. Se ritieni di non prestare il consenso, ti preghiamo di chiudere questo tab del browser. È a tua disposizione l’informativa completa Cookie CLICCA QUI per ulteriori informazioni.